Please download to get full document.

View again

of 91
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.

LA COMUNICAZIONE NEL GRUPPO DI LAVORO: funzioni e

Category:

Documents

Publish on:

Views: 2 | Pages: 91

Extension: PDF | Download: 0

Share
Related documents
Description
LA COMUNICAZIONE NEL GRUPPO DI LAVORO: funzioni e condizioni di efficacia Verga P. 3 GIUGNO 2010 Collegio IPASVI - Como 1 Obiettivi della giornata „ Potenziare la…
Transcript
LA COMUNICAZIONE NEL GRUPPO DI LAVORO: funzioni e condizioni di efficacia Verga P. 3 GIUGNO 2010 Collegio IPASVI - Como 1 Obiettivi della giornata „ Potenziare la capacità di cogliere e “dosare”gli aspetti di contenuto e di identità nella comunicazione professionale. „ Acquisire abilità di riconoscimento della comunicazione interpersonale e di gruppo. Verga P. 2 Contenuti (mattino) ƒ Qualche accordo sui termini per comprendersi; ƒ la negoziazione del significato di sé: la dimensione del contenuto e dell’identità dell’atto comunicativo; ƒ Caratteristiche e funzioni della comunicazione nel gruppo di lavoro; Verga P. 3 Contenuti (pomeriggio) „ “Giochiamo”: riconoscersi diversi nella comunicazione interpersonale. „ I casi degli individui…e del gruppo. Verga P. 4 Comunicazione dono di qualcosa di sé stessi scambio che produce influenza reciproca Verga P. 5 Comunicazione Ponte di congiunzione con l’altro; mezzo di collegamento e di soddisfazione dei bisogni, materiali e psicologici. Verga P. 6 Cosa può fare/disfare lo “strumento” comunicazione? La comunicazione ha tre sfere di influenza: „ cognitiva (pensare) „ emotivo-affettiva (sentire) „ comportamentale (agire) Verga P. 7 Cosa può fare/disfare lo “strumento” comunicazione? INFLUENZA SUL PENSIERO UMANO Si trasmettono informazioni che possono incrementare e modificare le conoscenze, le credenze, influenzarne i valori più o delle persone fino meno profondamente ad e stabilmente la visione delle cose e del mondo. Verga P. 8 Cosa può fare/disfare lo “strumento” comunicazione? INFLUENZA SULLA SFERA DEL “SENTIRE” La comunicazione stimola sensazioni fisiche, emozioni, sentimenti; ciò può avvenire con la mediazione del immediata ed linguaggio, empatica, oppure tramite per via immagini, comunicazione non verbale, suoni, ecc. Verga P. 9 Cosa può fare/disfare lo “strumento” comunicazione? INFLUENZA SULL’AGIRE delle PERSONE Con la comunicazione si influenzano singoli, occasionali comportamenti, ma anche vere e proprie abitudini. Verga P. 10 Cosa può fare/disfare lo “strumento” comunicazione? INFLUENZA SUL PENSIERO UMANO INFLUENZA SULLA SFERA DEL “SENTIRE” INFLUENZA SULL’AGIRE delle PERSONE Sono livelli fortemente interrelati 1. Informazioni e credenze possono produrre cambiamenti emozionali. 2. Intense attivazioni emozionali facilitano l’apprendimento di nuove informazioni. 3. Il comportamento è fortemente influenzato da cognizioni ed emozioni. Verga P. 11 Cosa può non riuscire a fare/disfare lo “strumento” comunicazione? Un signore entra in un bar e ordina cappuccino e brioche. Il barista gli dice: “mi spiace, abbiamo finito le brioches” e il cliente replica “allora mi dia un caffè e una brioche” il barista ripete che non ci sono brioches e il cliente chiede “latte caldo e brioche” Verga P. 12 Cosa può non riuscire a fare/disfare lo “strumento” comunicazione? il cliente continua a chiedere qualcosa con una brioche. Alla fine il barista tenta una soluzione: “senta signore, se vuole mangiare qualcosa abbiamo dei panini.” “allora mi dia un panino e una brioche.” Verga P. 13 I BISOGNI DENTRO LA COMUNICAZIONE Verga P. 14 I BISOGNI DENTRO LA COMUNICAZIONE 1. Trasmettere contenuti 2. Avere conferma della propria identità In sottofondo e spesso… 3. Nutrirsi, creare “legame” e “attaccamento” Verga P. 15 I BISOGNI DENTRO LA COMUNICAZIONE 1. 1. TRASMETTERE TRASMETTERE CONTENUTI CONTENUTI Riguarda le informazioni contenute nella comunicazione. Verga P. 16 I BISOGNI DENTRO LA COMUNICAZIONE 2. 2. Avere Avere conferma conferma della della propria propria identità identità 3. 3. Nutrirsi, Nutrirsi, creare creare “legame” “legame” ee “attaccamento” “attaccamento” Sono bisogni che vengono soddisfatti/frustrati dall’aspetto di RELAZIONE insito nella comunicazione. Verga P. 17 I BISOGNI DENTRO LA COMUNICAZIONE Partendo da lontano… Psicoanalisi, Relazioni affettive, Comunicazione… Verga P. 18 I BISOGNI DENTRO LA COMUNICAZIONE Per la psicoanalisi, gran parte dei comportamenti umani “normali” e “patologici” (soprattutto di tipo narcisistico) è comprensibile a partire dall’analisi della relazione del bambino con la madre (primo oggetto d’amore) e successivamente con oggetti “sostitutivi”, surrogati del primo, che hanno la funzione di compensarne la perdita. Verga P. 19 I BISOGNI DENTRO LA COMUNICAZIONE Per l’essere umano, la prima fonte di nutrimento è infatti la madre: prima con il suo sangue, poi con il suo latte e con il suo accudimento. Verga P. 20 I BISOGNI DENTRO LA COMUNICAZIONE Anche dopo la nascita i cuccioli della specie umana sono ancora immaturi, incapaci di procurarsi il cibo e la loro sopravvivenza dipende da una prolungata fase di contatto, accudimento e dipendenza dalla madre che è insieme fonte di nutrimento fisico e psico-affettivo. Verga P. 21 I BISOGNI DENTRO LA COMUNICAZIONE Queste sono probabilmente le radici biologiche del forte attaccamento e della dipendenza affettiva verso il primo oggetto d’amore… Verga P. 22 I BISOGNI DENTRO LA COMUNICAZIONE …ma anche della profonda nostalgia verso questa esperienza fortemente simbiotica che sembra non essere mai superata del tutto. Verga P. 23 I BISOGNI DENTRO LA COMUNICAZIONE C’è un’età dell’oro… E la perdita dell’Eden… Verga P. 24 I BISOGNI DENTRO LA COMUNICAZIONE L’insoddisfazione adulta (nostalgia dell’unione, delle carezze e dell’ammirazione) sembra dunque caratterizzare sempre il destino dell’uomo, così come la ricerca di surrogati quali: „ la sicurezza (data dal contenimento dell’abbraccio), „ la ricerca di riconoscimento, di ammirazione (successo, potere), „ le relazioni affettive, „ Il cibo, le droghe, ecc. Verga P. 25 I BISOGNI DENTRO LA COMUNICAZIONE Dal punto di vista psicologico, la comunicazione interpersonale ha al proprio interno, quale perenne sottofondo, la necessità di manifestare l’esserci della persona, di avere riconoscimento di ciò che essa è, di ripristinare un contatto, di mantenere un legame affettivo, di scongiurare l’abbandono e di anestetizzare la nostalgia per l’appagamento totale che mai più nella vita si manifesta come nel rapporto con la madre. Verga P. 26 I BISOGNI DENTRO LA COMUNICAZIONE Dal punto di vista psicologico, cioè, la comunicazione ha al proprio interno dei meccanismi di autocura della perdita antica. Verga P. 27 I BISOGNI DENTRO LA COMUNICAZIONE Tale perdita viene avvertita come più dolorosa dall’essere umano, allorché si trova in momenti di difficoltà, ove il suo essere fragile richiederebbe in modo impellente la possibilità di affidarsi e la sicurezza totale che solo una madre buona può permettere (regressione). Verga P. 28 I BISOGNI DENTRO LA COMUNICAZIONE Il gruppo può funzionare come madre accogliente (riconoscimento, legame, sicurezza), ma può anche riattivare grandi ansie per la paura dell’incomprensione, del non riconoscimento, del giudizio e del rifiuto. Verga P. 29 Autenticità e “rappresentazioni” nella comunicazione Verga P. 30 Contenuto e riconoscimento Ogni atto comunicativo contiene il bisogno della persona di conferma della propria esistenza e del proprio valore. E’ possibile dire che ogni essere umano ha un’aspirazione e un potere contemporaneamente… Verga P. 31 Contenuto e riconoscimento … 1) L’aspirazione che gli altri lo riconoscano e lo apprezzino per quello che è o vorrebbe essere, 2) Il potere di offrire o negare conferme ai suoi simili e di agire per influenzare l’atteggiamento esterno nei suoi confronti. Verga P. 32 Contenuto e riconoscimento In altri termini, attraverso la comunicazione si trasmettono alcuni aspetti identitari, così sintetizzabili: „ “ecco come mi considero e come desidero essere considerato” „ “ecco come tu mi consideri” „ “ecco come tu ti consideri” „ “ecco come io ti considero” Verga P. 33 Contenuto e riconoscimento Gli aspetti inerenti l’identità degli interlocutori sono frequentemente inconsci e talvolta vengono trasmessi senza che ci si accorga di farlo, con risultati non sempre felici … Verga P. 34 Contenuto e riconoscimento Es.: Cliente: “Vorrei delle scarpette n. 22” La commessa mostra alcune scarpette. La cliente, costatando che le scarpette hanno tutti i lacci precisa: “Guardi, preferirei delle scarpe con chiusura di velcro” E la commessa: “No, non le abbiamo, noi abbiamo solo scarpe di qualità” La cliente, senza parlare, con un movimento secco del corpo si allontana, saluta rigidamente la commessa ed esce dal negozio visibilmente seccata. Verga P. 35 Contenuto e riconoscimento Le preoccupazioni identitarie ispirano quindi, direttamente o indirettamente molti comportamenti comunicativi, tanto nelle espressioni più formali, tanto in quelle più banali della vita. Le persone usano a tale scopo delle strategie per ottenere riconoscimento e apprezzamento. Questi ultimi sono spesso frutto di negoziati. Verga P. 36 Comunicazione, rappresentazione di sé e valutazione degli altri “L’espressività dell’individuo (e perciò la sua capacità di fare impressione su terzi) sembra basarsi su due tipi di attività semantica radicalmente diversi: l’espressione assunta intenzionalmente e quella lasciata trasparire. La prima comporta quei simboli verbali, o quei loro sostituti che l’individuo usa deliberatamente e soltanto per comunicare le informazioni che egli stesso e gli altri convengono di attribuire a tali simboli: questa è la comunicazione nel senso tradizionale e ristretto del termine…” Verga P. 37 Comunicazione, rappresentazione di sé e valutazione degli altri “…La seconda comprende una vasta gamma di azioni che gli osservatori possono considerare come sintomatiche dell’attore.” E. Goffman, La vita quotidiana come rappresentazione, 1969 Il Mulino Bologna, pg. 12 Verga P. 38 Comunicazione, rappresentazione di sé e valutazione degli altri “…Prendendo in esame la comunicazione, sia nel significato più ampio sia in quello più ristretto del termine, si vedrà che, quando l’individuo si trova alla presenza diretta di altri la sua attività ha il carattere di una promessa.” E. Goffman, La vita quotidiana come rappresentazione, 1969 Il Mulino Bologna, pg. 13 Verga P. 39 Comunicazione, rappresentazione di sé e valutazione degli altri La comunicazione dell’individuo va considerata cioè anche nelle sue valenze metacomunicative: i suoi messaggi, di qualsiasi genere, possono essere visti quali potenziali “informatori” sulla sua “persona” e quindi sono suscitatori primari di impressioni, sensazioni, giudizi. Verga P. 40 Comunicazione, rappresentazione di sé e valutazione degli altri Comunicazione su sé stessi: comunicazione “persuasoria”. proiezione di una particolare “immagine di sé”, della cui autenticità si deve persuadere gli interlocutori, attraverso il proprio comportamento verbale e non verbale. Verga P. 41 Comunicazione e valutazione degli altri La percezione interpersonale può essere spiegata attraverso: „ percorsi intuitivi e „ percorsi inferenziali Verga P. 42 Comunicazione e valutazione degli altri Teorie intuitive La percezione è: Innata (basata su processi geneticamente determinati), Globale (percepiamo totalità significative e non aspetti e tratti differenziati) Diretta: non ci sono processi analitici e valutativi Verga P. 43 Teorie intuitive Verga P. 44 Teorie intuitive Verga P. 45 Teorie intuitive Verga P. 46 Comunicazione e valutazione degli altri Teorie inferenziali I giudizi sulle persone vengono formulati a partire dalle informazioni disponibili, ottenute sugli altri sia direttamente (tramite interpersonale), sia la percezione indirettamente (tramite documenti o resoconti altrui) Verga P. 47 Comunicazione e valutazione degli altri I procedimenti diretti sono in genere operanti a livello di “prima impressione” o di “giudizi sommari” e sono rivolti a persone con cui non si prevede un’interazione profonda; Rischi: profezia che si auto-avvera Verga P. 48 Comunicazione e valutazione degli altri I procedimenti indiretti richiedono più tempo ma si rivelano un po’ più precisi; si applicano in situazioni non occasionali e a persone con cui è prevedibile una relazione futura. Anche nei procedimenti indiretti possono essere in azione fattori sistematici di distorsione. Verga P. 49 Comunicazione e valutazione degli altri fattori sistematici di distorsione: „ effetto alone; „ tendenza a considerare il comportamento altrui come sempre intenzionale e finalizzato; „ tendenza a proiettare sugli altri le proprie caratteristiche; „ presunzione di reciprocità; Verga P. 50 Comunicazione e valutazione degli altri Le regole identificative, sia di tipo diretto che indiretto, variano da un individuo all’altro e possono essere considerate, nel loro complesso, come vere e proprie teorie implicite della personalità. Costituiscono schemi cognitivi e, come tali, esse limitano la precisione di giudizio. Verga P. 51 Comunicazione, rappresentazione di sé e valutazione degli altri “Ognuno vede quello che tu pari, pochi sentono quello che tu sé […]. A uno Principe adunque, non è necessario avere in fatto tutte le […]qualità, ma è bene necessario parere di averle.” N. Machiavelli, Il Principe (Cap. XVIII) Verga P. 52 Comunicazione e valutazione degli altri COMUNICAZIONE “Maschera”, insieme di strategie difensive per compensare un difetto d’amore, per aumentare l’autostima, per nutrire il proprio narcisismo, per desiderio di essere al centro dell’attenzione, per avere potere. Verga P. 53 Comunicazione e valutazione degli altri “Gli osservatori, sapendo che l’individuo tende a presentarsi in una luce favorevole, possono dividere la scena a cui assistono in due parti: l’una che l’individuo può facilmente controllare a piacere e che riguarda in massima parte le sue affermazioni verbali; l’altra, che sembra sfuggire al controllo o non rivestire alcun interesse per l’individuo e che consiste in massima parte nelle espressioni che “lascia trasparire”… Verga P. 54 Comunicazione e valutazione degli altri “Gli altri possono allora servirsi di quelli che vengono considerati gli aspetti non controllabili del suo comportamento espressivo come mezzo per verificare la verità di quanto trasmesso dagli aspetti controllabili. Con ciò viene dimostrata la fondamentale asimmetria del processo di comunicazione, poiché presumibilmente, l’individuo è consapevole di un solo livello della sua comunicazione, mentre gli osservatori sono consapevoli di questo livello e di un altro. ”… E. Goffman, La vita quotidiana come rappresentazione, 1969 Il Mulino Bologna, pg. 1755 Verga P. Comunicazione, identità e concetto di sé Ognuno, sempre e dappertutto, più o meno coscientemente, impersona una parte, riveste un ruolo. Berger P.- Luckmann T., La realtà come costruzione sociale, Il Mulino – Bologna 1969 La parte, il ruolo, il copione, non sono collegati solo alla dimensione sociale, ma anche (e soprattutto) al concetto che l’individuo ha di sé, a come egli si sente e si vede come persona e che vorrebbe fosse riconosciuto dagli altri. Verga P. 56 Comunicazione, identità e concetto di sé “Il falso Sé è rappresentato da tutta l’organizzazione dell’atteggiamento sociale educato, o per così dire, dal non avere il cuore in mano.” D. Winnicott in G. Blandino, Le capacità relazionali:prospettive psicodinamiche, UTET – Torino, 1996, pg. 193 Verga P. 57 Rapporto contenuto e identità nella comunicazione: normalità e derive Verga P. 58 Rapporto contenuto e identità nella comunicazione “In realtà, sembra che quanto più una relazione è sana, tanto più l’aspetto relazionale (identitaria) recede sullo sfondo. Viceversa, le relazioni malate sono caratterizzate da una lotta costante per definire la natura della relazione, mentre l’aspetto contenuto della comunicazione diventa sempre meno importante.” P. Watzlawick, H. Bavin, D.D. Jackson, Pragmatica della Comunicazione Umana, Astrolabio, Roma 1972, pg. 44 Verga P. 59 Rapporto contenuto e identità nella comunicazione E’ VERO? Verga P. 60 Rapporto contenuto e identità nella comunicazione Esistono situazioni “normali” in cui è appropriato insistere sull’aspetto relazione-identità, come si è e come si vorrebbe essere considerati e altri contesti in cui la comunicazione efficace ha bisogno di concentrarsi soprattutto sui contenuti. Verga P. 61 IDENTITA’ TANTO 1. DOSI CONSISTENTI POCO CONTENUTO TANTO Situazioni di anonimato di fatto o di “ritorno” BISOGNI ã affettivi: esistere ã relazionali: scambiare le informazioni necessarie ã sociali: favorire un buon clima POCO 2. CONTENUTO TRIONFANTE Scambi centrati sul compito BISOGNI ã affettivi: autorealizzazione attraverso il compito ã relazionali: contribuire a raggiungere obbiettivi ã sociali: partecipare ad attività complesse 3. IDENTITA’ DILAGANTE 4. DOSI MINIME Situazioni di interdipendenza pos./neg. Scambi brevi e neutri BISOGNI ã affettivi: rassicurazioni, fusione, controllo, potere ã relazionali: affermare le proprie convinzioni ã sociali: nessuno Verga P. BISOGNI ã affettivi: nessuno ã relazionali: nessuno ã sociali: rispettare le normali regole della cortesia 62 Rapporto contenuto e identità nella comunicazione 1. Dosi consistenti La comunicazione efficace richiede dosi consistenti delle dimensioni contenuto e relazione; è necessario far sapere chi si è, come si vuole essere considerati, ma si ritiene opportuno alimentare anche l’aspetto del contenuto. Es: ………………………………………………… Verga P. 63 Rapporto contenuto e identità nella comunicazione 2. Contenuto trionfante Riguarda situazioni in cui i bisogni identitari sono messi in secondo piano per concentrarsi sui contenuti. Es.:………………………………………… Verga P. 64 Rapporto contenuto e identità nella comunicazione 3. Identità dilagante La comunicazione è totalmente centrata su aspetti concernenti la definizione della relazione, a scapito del contenuto che si riduce a un pretesto. Es: ………………………….…………………….. Verga P. 65 Rapporto contenuto e identità nella comunicazione 4. Dosi minime Si tratta di messaggi che apparentemente hanno poche implicazioni sul piano del contenuto e della relazione. Es.:……………………………………………………….. Verga P. 66 Rapporto contenuto e identità nella comunicazione Non sempre i partecipanti a un’interazione sono d’accordo sul livello contenuto /relazione da attivare. E’ in queste situazioni che la comunicazione può diventare disfunzionale perché gli interlocutori – agendo su due registri diversi – possono al limite arrivare: „ a non comprendersi „ a “impostare” vere e proprie difficoltà future Verga P. 67 Rapporto contenuto e identità nella comunicazione Un correttivo, in tal senso, è rappresentato dalla capacità di meta-comunicare, cioè di prendere le distanze dal contenuto primario di cui si sta parlando per cogliere, accogliere, ridefinire e al limite informare l’altro sui processi interattivi e relazionali osservati. Verga P. 68 Rapporto contenuto e identità nella comunicazione Azioni meta-comunicative sono: „ Accorgersi e informare sulla presenza/assenza di un ascolto attento: Es.: “eh però, fare il trasloco mentre uno parla…!” Verga P. 69 Rapporto contenuto e identità nella comunicazione Azioni meta-comunicative sono: „ Accorgersi e informare sulle emozioni che sorgono: Es.: “mi sembra tu mia stia incupendo con questi discorsi…cambiamo argomento?” Verga P. 70 Rapporto contenuto e identità nella comunicazione Azioni meta-comunic
Similar documents
View more...
Search Related
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks
SAVE OUR EARTH

We need your sign to support Project to invent "SMART AND CONTROLLABLE REFLECTIVE BALLOONS" to cover the Sun and Save Our Earth.

More details...

Sign Now!

We are very appreciated for your Prompt Action!

x